Vuoi comprare azioni Amazon? Ecco cosa dovresti sapere [2021]

Amazon è sempre più grande e le sue azioni hanno avuto rendimenti colossali negli ultimi anni. Ma conviene ancora comprarle, oppure il meglio è già passato?

Pubblicato: 19 Giugno, 2021 di alessandro

Sembra che comprare azioni Amazon sia diventata la risposta  a ogni problema dei risparmiatori che vogliono investire sui mercati finanziari. Le pubblicità “investi 250€ su Amazon” che tappezzano internet sono l’emblema di quella che è letteralmente diventata una mania. Non mi fraintendere: Amazon è una delle aziende più grandi al mondo, il suo tasso di crescita è altissimo, senza considerare che ormai da anni riesce a chiudere i bilanci in profitto.

Il fatto che una società sia in espansione, però, non significa necessariamente che comprarne le azioni sia una buona idea. Se il prezzo delle azioni è sopravvalutato e l’azienda non crescerà mai abbastanza per giustificarlo, allora si tratta di un cattivo investimento. Lo diciamo per mettere in guardia le persone: investire su Amazon non significa andare incontro a profitti certi, come molti siti vorrebbero far sembrare.

Oggi vogliamo fare un’analisi onesta e imparziale delle azioni Amazon. Insieme scopriremo quali sono le prospettive per il futuro della società fondata da Jeff Bezos, quali minacce e quali opportunità ci siano sul suo cammino, analizzeremo insieme il bilancio e vedremo come investire sul titolo senza commissioni usando eToro.

comprare azioni amazon guida completa con previsioni, analisi e dove conviene acquistarle
Investire su Amazon: scopriamo insieme se sia una buona idea farlo in questo momento oppure no

Dove comprare azioni Amazon

Uno degli errori tipici di chi investe, soprattutto in azioni Amazon, è farlo con piattaforme assolutamente sconvenienti. Quando si parla di titoli molto blasonati come questo, ci sono tanti investitori che si trovano a comprarli alla loro prima esperienza nel mondo della Borsa e non sanno come distinguere le piattaforme migliori da quelle peggiori.

Tipicamente chi è alla prima esperienza tende a fare uno di questi due errori:

  • Comprare le azioni in banca, dove non si accorge di star pagando in commissioni più di quanto le azioni siamo aumentate di valore negli ultimi due anni.
  • Fidarsi di qualche broker non serio, non regolamentato e privo dell’autorizzazione Consob che ha scoperto grazie a qualche pubblicità su internet. Magari proprio una pubblicità che millanta di giovani persone che hanno “costruito un secondo stipendio” grazie alle azioni Amazon.

La verità è che si dice “giocare in Borsa“, ma la Borsa è tutt’altro che un gioco. Se non fai attenzione e pecchi di inesperienza, rischi di incappare in truffe o in commissioni folli senza nemmeno accorgertene fino a che non è troppo tardi per tornare indietro. Ecco perché se hai deciso di investire sulle azioni, che siano quelle di Amazon o di qualunque altra azienda, come prima cosa riteniamo importante aiutarti nella tua scelta.

Gli istituti di credito italiani (Poste Italiane, Unicredit, Intesa, Fineco, ecc.) offrono tutti la possibilità di aprire un portafoglio titoli e investire in strumenti finanziari. Ma mediamente applicano 20-30€ di commissioni all’apertura della posizione, altri 20-30€ di commissioni alla chiusura, più una provvigione del 5% sulla conversione dei tuoi euro in dollari americani (dal momento in cui Amazon è quotata sul Nasdaq). I costi sono esorbitanti.

Se poi vuoi avere i prezzi in tempo reale e una buona piattaforma di trading, questi servizi vengono normalmente venduti a parte con un costo mensile dai 15€ ai 40€. Decisamente poco conveniente, a meno che tu non voglia investire 100.000€ e questi costi si diluiscano nel grande capitale che hai a disposizione.

Comprare azioni Amazon senza commissioni su eToro

Il broker che ti consigliamo per comprare azioni Amazon è eToro. Si tratta di un broker con regolare licenza europea e autorizzato Consob, che come la maggior parte degli operatori più convenienti del settore opera esclusivamente online. La piattaforma è pensata per investitori non professionisti, che vogliono uno strumento pratico e intuitivo con cui gestire i loro risparmi.

Usando eToro hai la possibilità di comprare le azioni Amazon senza pagare nemmeno un centesimo in commissioni o abbonamenti. Questo include anche la piattaforma, l’assistenza clienti e tutto il comparto di servizi offerti dal broker. Per completare l’investimento bastano 5 minuti: il primo passaggio è iscriversi gratuitamente su eToro inserendo uno username, un’email e una password.

come registrarsi su eToro e aprire un nuovo conto
Subito dopo esserti registrato avrai immediato accesso alla piattaforma

Ora che ti trovi dentro la piattaforma, per poter comprare azioni devi ovviamente aggiungere dei fondi al tuo account. Per farlo, clicca sul pulsante “Deposita fondi” in basso a sinistra. Il deposito minimo su eToro è appena di 200€ e puoi depositare con carta di credito, PayPal, bonifico o altri portafogli elettronici. Tutti i metodi di pagamento tranne il bonifico bancario ti permettono di vedere i tuoi fondi accreditati all’istante.

depositare fondi su etoro come fare
I depositi vengono automaticamente convertiti in dollari americani, essendo la valuta più utile per operare sui mercati

A questo punto possiamo procedere con il nostro investimento. Cerca “Amazon” nella barra di ricerca in alto e poi clicca sul nome della società. Visualizzerai la pagina completamente dedicata al titolo dove vengono riportate le opinioni degli altri utenti, il grafico, i principali dati di bilancio e le opinioni degli analisti su Amazon.

comprare azioni amazon senza commissioni su eToro
eToro offre sempre i prezzi in tempo reale per tutti gli strumenti presenti nella piattaforma

Come puoi notare, in alto a destra c’è un pulsante “Investi“. Cliccaci sopra per poter completare il tuo ordine: visualizzerai uno specchietto come quello nell’immagine più in basso, da cui potrai regolare ogni dettaglio del tuo investimento. Potrai scegliere quanto vuoi investire, se utilizzare la leva finanziaria, se comprare (per investire a rialzo) o vendere le azioni allo scoperto (per investire a ribasso).

confermare acquisto azioni amazon
Una volta che hai scelto tutti i parametri che ti interessano, clicca su “Apri posizione” per completare la procedura.

Una volta cliccato il pulsante, eToro prenderà in carico il tuo ordine e le tue azioni verranno aggiunte al tuo account. Puoi monitorare il tuo investimento in ogni momento dalla sezione “Portafoglio” che trovi nel menu a sinistra. Sempre dalla stessa sezione puoi anche scegliere di vendere le azioni, se mai decidessi di farlo.

Si guadagna davvero con le azioni Amazon?

Negli ultimi 5 anni le azioni Amazon sono salite del 398,25% (da giugno 2016 a giugno 2021). Questo significa che solamente in questo lasso di tempo, gli investitori che hanno comprato le azioni del colosso dell’e-commerce sono stati ricompensati moltiplicando di 4 volte il loro investimento.

La performance è stata davvero astronomica: considerando che i mercati rendono normalmente una media del 10% l’anno, Amazon ha decisamente performato meglio del mercato. Tuttavia stiamo pur sempre parlando di una società quotata, tra l’altro già molto grande, per cui il potenziale di crescita non è infinito. Scordati di poter moltiplicare di 1.000 volte il tuo investimento o di diventare milionario investendo 250€. Davvero, non è un gioco.

Se stai cercando un modo per diventare ricco facilmente, non è sicuramente comprare azioni Amazon. Ma se stai cercando un titolo che ha ottime prospettive per il futuro e può dare valore al tuo portafoglio, allora è diverso. Non c’è dubbio sul fatto che Amazon sia una delle società più influenti e innovative al mondo, e il tasso di crescita mostrato anche dai bilanci che commenteremo tra poco ne è la prova.

Malgrado tutti noi conosciamo Amazon, ci sono ancora tanti mercati geografici in cui la società non opera ancora.  Ci sono progetti secondari che sta facendo crescere e ci sono anche fonti di ricavo nuove che potrebbero aggiungersi. Questo è proprio l’aspetto più interessante delle azioni Amazon: la società è già estremamente grande, ma ha ancora un enorme potenziale.

Grazie al suo modello di business totalmente online, non solo ha resistito bene alla pandemia: ha riportato i suoi risultati migliori di sempre nel 2020. Per cui la risposta alla domanda iniziale è che sì, molto probabilmente gli azionisti di Amazon continueranno a vedere dei ritorni interessanti nei prossimi anni. Ma i miracoli non esistono, specialmente in Borsa: bisogna attendersi un ritorno annuo realistico, per quanto a nostro avviso continuerà a essere ben superiore a quanto offerto dal mercato.

Il modello di business di Amazon

Molti conoscono Amazon soltanto come e-commerce, perché magari loro stessi fanno acquisti sul sito. In realtà il modello di business è molto più complicato di così e per molti anni l’e-commerce è stato in perdita, al punto che se fosse stato l’unico ramo della società questa sarebbe probabilmente chiusa.

Amazon è diventato ormai un conglomerato aziendale che comprende linee di business al suo interno. Se stai pensando di fare un investimento, faresti bene a conoscere i diversi settori in cui la società è presente e l’impatto che questi hanno sul bilancio. Rimarrai stupito, probabilmente, di quante cose faccia Amazon oltre a gestire il suo famoso marketplace online.

Amazon Web Services

Amazon Web Services, o AWS, è il ramo storicamente più profittevole di Amazon. Anche se rappresenta soltanto il 10% del fatturato della società, contribuisce al 52% del margine operativo (dati Q4 2020). Questo perché la parte di e-commerce è grande ma molto dispendiosa, con margini minimi sul venduto. Invece AWS, che si occupa di gestire e mantenere grandi infrastrutture in cloud, di fatto ha una redditività altissima.

Il compito di AWS è gestire i server in cloud che permettono ai clienti di mantenere online i loro siti e le loro app. Tra i clienti più grandi di Amazon Web Services, ordinati per spesa mensile, troviamo:

  • Netflix (19 milioni di dollari)
  • Twitch (15 milioni di dollari)
  • LinkedIn (13 milioni di dollari)
  • Facebook (11 milioni di dollari)
  • BBC (9 milioni di dollari)

Parliamo di alcune delle aziende più grandi e influenti al mondo, che pagano milioni di dollari ogni mese per un servizio assolutamente cruciale per mantenere operativo il loro servizio. Ecco perché AWS è così importante e profittevole per Amazon.

Al momento è il player più grande nel mercato dei servizi in cloud per distacco, avendo anche iniziato 7 anni prima dei principali concorrenti a offrire questo servizio. Tuttavia, con il passare del tempo il suo dominio si sta restringendo: due società in particolare, cioè Microsoft e Google, iniziano a essere una “concorrenza scomoda” per Amazon.

Microsoft Azure detiene attualmente (dati gennaio 2021) il 19% del mercato, mentre Google Cloud chiude questo virtuale podio al 7%. Per cui la concorrenza si sta intensificando, ma almeno nell’arco dei prossimi 5 anni è altamente improbabile che i concorrenti riescano a recuperare il divario in termini di funzionalità, affidabilità e integrazione dei servizi offerti da AWS.

Se ne vuoi approfittare, ti ricordiamo che puoi farlo molto facilmente usando XTB. Oltre a poter investire senza commissioni, questo broker ti permette anche di fare investimenti frazionali su Amazon in modo da investire esattamente la somma che desideri. Considerando che una singola azione Amazon costa più di 3.000$, questo è molto conveniente per rendere più flessibile la nostra operazione.

Commercio al dettaglio (online e offline)

Il secondo business di Amazon è quello per cui tutti lo conosciamo: le vendite al dettaglio. In realtà Amazon non vende soltanto online: con l’acquisto della catena di supermercati Whole Foods negli Stati Uniti, ha lanciato anche una sua parte fisica dove intende vendere prodotti biologici e sostenibili al prezzo di quelli industriali. Per farlo serviranno grandi economie di scala, ma anno dopo anno questa missione è sempre più vicina al suo completamento.

Quanto alla parte online, invece, Amazon ha tre modi per guadagnare dal suo marketplace:

  • Comprare grandi quantità di prodotti, tenerli nei suoi magazzini e poi spedirli al cliente finale che li acquista al dettaglio;
  • Occuparsi semplicemente della logistica dei prodotti venduti da terze parti, che vengono però mantenuti in magazzino e spediti da Amazon. La società guadagna sia dal servizio di logistica, sia dalla “commissione di segnalazione” che riceve su tutti i prodotti venduti da terze parti;
  • Attraverso gli abbonamenti ad Amazon Prime, che permettono agli utenti di avere spedizioni gratis e più veloci pagando una fee annuale ad Amazon.

La terza voce è quella su cui Amazon sta cercando di investire di più: non solo perché l’abbonamento annuale è una fonte di ricavi sicura, ma perché aumenta i ricavi delle altre due voci. Infatti i clienti Prime spendono più dei clienti non-Prime di Amazon: secondo un’indagine della società di ricerche di mercato CIRP, in media un utente Prime spende circa 1.300$ all’anno su Amazon mentre un utente non-Prime “solo” 700$.

Per rafforzare la qualità dell’offerta Amazon Prime, è stato introdotto il servizio Prime Video: in un modo molto simile a Netflix, permette agli utenti di consumare film e serie TV online. Per tutti i clienti Prime è gratis, così come è gratis avere una subscription mensile a uno streamer di Twitch.

concorrenti di amazon divisi per settore
Operando in così tanti settori, Amazon ha tanti concorrenti. Paradossalmente, alcuni clienti di AWS sono concorrenti in altre linee di business

Twitch

Visto che lo abbiamo menzionato, vale certamente la pena di approfondire. Twitch è il servizio di Amazon totalmente dedicato allo streaming di videogiochi. I creators condividono le loro sessioni di gaming, mentre gli utenti li guardano giocare per migliorare le loro abilità o per semplice intrattenimento.

I creators possono offrire un servizio di abbonamento ai loro contenuti extra, così come possono offrire agli utenti la possibilità di donare per supportare la loro attività. Amazon monetizza questo servizio in due modi:

  • Direttamente, applicando una commissione su ogni pagamento diretto ai creators
  • Indirettamente, offrendo ogni mese a ogni utente Prime la possibilità di iscriversi gratis a un creator

Anche se il fatto di dover pagare una subscription mensile per ogni utente Prime è una spesa per Amazon, questo contribuisce a invogliare le persone a diventare clienti Amazon Prime.

Hardware

Amazon è anche nel business dell’hardware, avendo già creato i suoi primi prodotti fisici di successo: il Kindle, per la lettura degli e-book, il tablet Amazon Fire che offre ottime prestazioni con prezzi molto ridotti e ovviamente la celebre Amazon Alexa.

Il grande vantaggio di Amazon in questo settore è la possibilità di fare integrazioni vantaggiose all’interno della sua linea di prodotti e servizi: progetta, crea il prodotto, lo sponsorizza e lo vende sui suoi canali. Un livello di sinergia che nessun’altra azienda del settore può vantare nello stesso modo.

Oltre a generare vendite per l’hardware in senso stretto, Amazon ha anche una piccola fonte di ricavi dalle cosiddette “skills“. Si tratta delle applicazioni installabili su Alexa, realizzate da sviluppatori di terze parti, che ne aumentano le funzionalità; quando un utente acquista una skill a pagamento, Amazon riceve una commissione per la vendita. Nel 2019 questi ricavi sono arrivati a 1,4 milioni di dollari, una piccola goccia nel fatturato di Amazon, ma in futuro potrebbe diventare un’altra risorsa interessante.

Azioni Amazon: fatturato, utile, dividendi e debiti

Prima di acquistare qualunque azione, è sempre importante conoscere almeno i tratti fondamentali del bilancio di una società. Siccome prendere in mano un conto economico non è sempre semplice, vogliamo semplificare le cose riportando qui tutte le informazioni più importanti sull’andamento di Amazon nel corso degli ultimi anni.

Cominciando con il fatturato stellare della società, i ricavi (in dollari americani) sono stati di:

  • 177,8 miliardi nel 2017
  • 232,9 miliardi nel 2018
  • 280,5 miliardi nel 2019
  • 386,1 miliardi nel 2020

Si nota facilmente che tra il 2017 e il 2018, così come tra il 2018 e il 2019, il fatturato di Amazon è aumentato del 20% annuo. Questo è il ritmo che gli analisti e la maggior parte del mercato si aspettavano ed è sicuramente positivo, ma il balzo enorme fatto nel 2020 è stato ancora più importante. Ovviamente questo è dovuto in gran parte alla lockdown economy, che ha portato molti nuovi utenti ad acquistare online per via della chiusura delle attività commerciali.

Passando all’utile netto, invece, Amazon ha chiuso gli ultimi esercizi con un guadagno netto di:

  • 3,0 miliardi nel 2017
  • 10,0 miliardi nel 2018
  • 11,6 miliardi nel 2019
  • 21,3  miliardi nel 2020

Anche in questo caso l’aumento è stato davvero importante, specie nel 2020. Amazon ci ha messo quasi 10 anni a diventare profittevole: fondata nel 1994, il primo anno profittevole della sua storia nel 2003. Dopodiché ha ancora chiuso alcuni bilanci in rosso, ma per un motivo preciso: Amazon ha da sempre investito tanto e innovato tanto, preferendo fare grandi investimenti al semplice raccogliere utile.

Per lo stesso motivo non ha mai staccato dividendi: questo può essere svantaggioso per chi cerca investimenti che generano flussi di cassa, ma è ottimo per chi cerca invece una rivalutazione del capitale. Non staccando dividendi, fino a che non si vendono le azioni non sono dovute tasse. Se ne vuoi approfittare, puoi usare XTB e iniziare subito a investire su Amazon senza costi e senza commissioni. Su Giocareinborsa24.com trovi anche la recensione completa di XTB, nel caso volessi approfondire.

Previsioni, rating e target price Amazon

Ora che abbiamo presentato il bilancio, possiamo introdurre il discorso delle previsioni sia nostre che degli analisti istituzionali. Bisogna essere consapevoli, ovviamente, del fatto che nessuno ha la sfera di cristallo: anche se non si può predire esattamente dove andrà il prezzo delle azioni Amazon, si possono fare delle analisi approfondite sul bilancio.

Previsioni Amazon 2021/22

Cominciamo con il biennio 2021-2022, che è quello in cui ci troviamo ora. Nelle nostre previsioni a breve termine, riteniamo che il prezzo delle azioni Amazon crescerà ma non tantissimo. Durante il 2020 le azioni hanno preso una forte rincorsa sulla scia del Covid, ma con il ritorno alla normalità è prevedibile che ci sia un po’di effetto fionda. Anziché crescere del 20% come nel 2018-2019, o addirittura del 35-40% come nel 2020, nel 2021-22 sarà già interessante se Amazon riuscirà a crescere del 10-15%.

Per questo, a nostro avviso, è probabile che al termine del 2022 le azioni Amazon arrivino intorno a 3.750$ per singolo titolo. Assolutamente un ritorno interessante, ma non così esorbitante come quelli degli ultimi anni.

rating, performance e anno di fondazione di amazon
All’inizio Amazon era una semplice libreria online, ma la sua evoluzione parla da sola

Previsioni Amazon 2025

Se allunghiamo l’orizzonte temporale della nostra previsione fino al 2025, allora riteniamo che ci siano ottime prospettive per tornare  a un tasso di crescita di utile e fatturato davvero importante. Se in questo momento le azioni Amazon sono scambiate a circa 100 volte l’utile annuo corrispondente, nel 2025 l’utile sarà probabilmente raddoppiato o triplicato rispetto a oggi.

Questo, stando a quanto visto fino a ora, dovrebbe portare il prezzo delle azioni intorno a quota 5.100$. Sul lungo termine siamo fortemente convinti che le azioni Amazon siano molto interessanti per qualunque portafoglio.

Target Price e Rating istituzionale

Gli investitori istituzionali, cioè i grandi fondi di investimento e le società di analisi finanziarie, si dimostrano più ottimiste di noi sul titolo Amazon. Il target price medio, cioè l’attesa per il prezzo delle azioni nei prossimi 12 mesi, è di 4.274$.

Quanto ai rating, attualmente le raccomandazioni fissate dagli analisti sono:

  • 42 rating strong buy
  • 6 rating buy
  • 1 rating hold
  • 0 rating sell o strong sell

Conclusioni

La nostra conclusione è che attualmente le azioni Amazon siano un ottimo investimento per chi punta a un titolo che nel lungo termine possa mostrare tassi di crescita importante.  Amazon non è un’azione per chi cerca dividendi e probabilmente continuerà a non staccarne per molti anni a venire, ma questo è proprio il senso delle cosiddette growth stock. Puntare al tasso di crescita, puntare a evitare la tassazione sui dividendi, puntare sul valore delle aziende che sono in forte espansione.

Con la crescita dei vari settori in cui Amazon opera, considerando anche l’estrema attenzione alla qualità, siamo convinti che gli azionisti vedranno ritorni positivi e importanti nel corso del tempo. Una visione che viene condivisa anche dagli analisti istituzionali, con cui effettivamente le nostre previsioni sono spesso allineate.

Se vuoi aggiungere le azioni Amazon al tuo portafoglio titoli, il nostro consiglio è quello di farlo con eToro. In questo modo potrai operare direttamente sulle azioni, senza pagare commissioni e senza avere costi inutili per piattaforme, prezzi in tempo reale e così via.

🔔  AzioneAmazon (NASDAQ:AMZN)
⚙️ SettoreE-commerce, Tech e Cloud
✅ Target price4.274$
📊 P/E Ratio66.40 (19 giugno 2021)
💵 DividendoNo
📈 Capitalizzazione1.753 miliardi $ (19 giugno 2021)

FAQ

Le azioni Amazon sono un buon investimento?

Considerando il tasso di crescita e il margine di profitto che Amazon dimostra nei suoi bilanci, siamo convinti che al momento queste azioni siano un ottimo investimento per chi cerca un titolo privo di dividendi, ma in grado di rivalutarsi in modo importante nel corso del tempo.

Le azioni Amazon sono sopravvalutate?

Anche se le azioni Amazon vengono scambiate a 60-70 volte l’utile annuo, bisogna tener presente che l’utile stesso della società è aumentato a un ritmo storico del 20-25% di anno in anno. La nostra analisi è che il prezzo delle azioni Amazon sia perfettamente in linea con le attese di espansione della società.

Dove posso comprare azioni Amazon?

Puoi comprare azioni Amazon presso la tua banca, Poste Italiane (Bancoposta) o usando un broker online. Noi consigliamo fortemente di usare un broker online per evitare di pagare le commissioni esagerate imposte dai tradizionali intermediari finanziari.

Quanto varranno le azioni Amazon nel 2025?

Se Amazon dovesse continuare ad aumentare il fatturato annuo del 20% e l’utile del 30%, come nella media degli ultimi anni, la nostra ipotesi è che il prezzo possa arrivare oltre quota 5.100$.

Clicca per votare questo articolo!
[Total: 1 Average: 5]
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.